mercoledì 3 aprile 2013

Lo stipendio parlamentare dei grillini? Non 12.788, ma 13.559 euro


I grillini sono persone molto precise. Anzi, decisamente pignole. Cosa che, in passaggi travagliati come quello che stiamo vivendo, non è da considerarsi  elemento negativo, anzi. Così, per avere scritto che, comandamenti della campagna  #BersaniFallifirmare alla mano,  la paga del deputato del Movimento C
inque Stelle sarebbe stata di 12.788 euro, sul blog sono piovuti a centinaia insulti di ringraziamento.
Tutto sbagliato, cifra inventata, esagerata, si diceva sostanzialmente nei commenti più benevoli attaccando l’autore dell’articolo, scritto, naturalmente,  “per aggredire i cittadini parlamentari a cinque stelle e screditare la loro volontà di rinnovamento”.
Esagerata la cifra di 12.788 euro? Macché! Scorrendo adesso la proposta  presentata dai rappresentati del M5S il 29 marzo all’Ufficio di presidenza della Camera dei deputati e firmata dal vicepresidente Luigi Di Maio e dai segretari di presidenza Claudia Mannino e Riccardo Fraccaro, si scopre che, dovesse essere approvata, i deputati finirebbero per costare agli italiani addirittura di più della proposta precedente, per la precisione 13.559,24 euro.
Nel dettaglio, una volta spiegato che il loro modello di riferimento è quello introdotto dai consiglieri regionali in Sicilia e auspicata l’emanazione di un codice etico  per i deputati,  il M5S  propone di abbassare l’indennità parlamentare a 5.000 euro lordi e di cancellare il rimborso spese per l’esercizio del mandato, il rimborso spese accessorie di viaggio e il rimborso forfettario spese telefoniche.
In totale, il taglio (vedi documento riportato sul blog di Grillo) ammonterebbe a 8.559,90 euro (3.503,11+1.845+1.845+1.107,90+258,23).
Tutto ok, dunque? Solo a prima vista. Avanzata l’idea della riduzione, infatti, i grillini passano a  una complicata proposta. Scrivono infatti: “E’ auspicabile accorpare tutte le voci estranee all’indennità (diaria di soggiorno mensile, rimborso spese per l’esercizio del mandato, rimborso spese accessorie di viaggio, rimborso forfettario spese telefoniche). Qualsiasi spesa dovrà essere giustificata (cosa che andremo puntualmente a verificare mese per mese, ndr) a titolo di rimborso alla Camera dei deputati e pubblicata online sul sito ufficiale per ogni deputato”.
Morale: “l’erogazione deve avvenire per spese attestate e non superare il tetto massimo di euro 8.559,24 al mese”. Che sommati ai 5.000 euro lordi dell’indennità parlamentare riformata, fanno appunto 13.559,24.
Cioè 771,24 euro in più di quelli che avevamo calcolati (12.778 euro) nel nostro precedente articolo e che tanti insulti ci è costato.

Primo Di Nicola

15 commenti:

  1. Guarda che Grillo ha sempre detto che avrebbero preso 5000 euro lordi e basta; per cui niente rimborsi spesa.

    RispondiElimina
  2. Ma che dici? I rimborsi spesa li prendono eccome! Pure quelli che non hanno la macchina

    RispondiElimina
  3. primo di nicola...decisamente sei riuscito a farmi venire l'emicrania. le spese "attestate"..caro minchione, non sono spese fatte ma presunte peraltro vanno certificate. quindi che cazzo sommi?

    RispondiElimina
  4. Mi sembra ci sia un errore nel calcolo. Per prima cosa, c'è il dimezzamento dell'indennità parlamentare. Il che significa che ora tra rimborso forfettario e indennità, un parlamentare prende 18000 lordi, non 12000. Per seconda cosa, il rimborso forfettario viene sostituito da uno documentato, il che significa che dovrà essere erogato non alla 'cieca', ma solo per spese effettive e relative all'attività istituzionale del parlamentare. Dunque, il calcolo di 13000 non è automatico, in quanto consiste nella spesa massima. Mi sembra un bel passo in avanti.

    RispondiElimina
  5. "ammonterebbe", "sarebbe", bla..bla..bla...

    RispondiElimina
  6. Primo: questo articolaccio è un copia/incolla da L'Espresso online (non basta citare l'autore e omettere la testata...) vedi: http://dinicola.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/04/03/lo-stipendio-dei-grillini-non-12-788-ma-13-559-euro/
    Secondo: E' un articolo molto scorretto e scritto in assoluta mala fede. Perché la proposta M5S parla di stipendio fisso di 5000 euro, gli altri 8000 e rotti sono il tetto MASSIMO del RIMBORSO SPESE, eventualmente erogabile al deputato dopo la rendicontazione delle spese sostenute, che se l'italiano non è una opinione, significa che sono soldi effettivamente spesi che ti ritornano in tasca (se ho speso 3500 euro me ne tornano 3500 e vado a saldo 0). Con il sistema attuale invece il rimborso è forfettario e quindi equiparabile ad uno stipendio. La proposta M5S, se attuata, mi sembra un buon passo avanti.
    La malafede di chi parla di STIPENDIO DEI GRILLINI è enorme come una casa.

    RispondiElimina
  7. soprattutto: se fai lo stesso conto su un deputato non m5s arrivi a quasi 20 mila euro!

    RispondiElimina
  8. Ma pensate un pò quanto guadagna chi non taglia nulla...
    Una spesa legittimata dal servizio e documentata in modo trasparente mi sembra anche corretto rimborsarla. Non come alcuni che mettono a rimborso le cartucce da caccia, libri, gratta e vinci oppure intascano la cospicua somma destinata ai portaborse e poi li pagano in nero!

    RispondiElimina
  9. ma quando andiamo a lavorare noi ci rimborsano le spese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Se usi i tuoi mezzi (auto, telefono, anticipo spese... ). In taluni casi, il mio ad esempio, ho un rimborso spese quando uso l'auto per lavoro. Il rimborso delle spese è previsto anche per molte categorie di lavoratori. Esistono persino dei rimborsi per i lavoratori erogati dagli enti bilaterali per spese mediche, spese per i bambini (scuola materna, libri scolastici, supporti medici...)

      Elimina
    2. se la tua azienda non ti rimbosa le spese, sono dei ladri. IN TUTTA EUROPA, per esempio se sei un commerciale ti danno auto in comodato GRATIS. Il m5s si è ridotto lo stipendio, e se ha delle spese giustificate le rendiconta. dovrebbe essere cosi.

      Elimina
  10. Questo succede nel paese dei sognatori degli immaginifici, specialmente quando non si parla mai chiaramente nei programmi, quando non si tira una linea demarcatrice come facciamo NOI del partito degli under 70.000 per distinguere chi sta al di qua da quelli che stanno al di là.
    Ma questo, ripeto, è peculiare ad un bobbolo valoroso, ma al contempo sognatore, che è giusto che sia continuato ad essere inculato da una misera minoranza

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Anche se il m5s spendesse tutti gli 8000 e rotti euro,che in ogni caso deve rendicontare (non come adesso che si prendono indipendentemente), in ogni caso l'indennita è stata ridotta di 5000e rotti. Ti sembra poco? questa è disinformazione per polli.

    RispondiElimina
  13. forse potrebbe cambiare il nome del blog in ''odio il m5s''

    RispondiElimina