martedì 5 marzo 2013

Bianca Berlinguer: il marito torna al Senato, ma lei non molla la doppia poltrona al Tg3


Le regole si rispettano. Sempre" e valgono per tutti, anche per il direttore del Tg3, Bianca Berlinguer, la figlia dell'ex leader comunista Enrico e moglie del neosenatore Pd Luigi Manconi (eletto per la quarta volta in parlamento) a cui il direttore generale Rai deve "imporre il rispetto delle regole". 
E' durissimo Vittorio di Trapani, segretario dell'Usigrai, parlando dei doppi incarichi e denunciando - riferendosi alla direttrice del Tg3 - una "inaccettabile eccezione" rispetto alla circolare del direttore generale di viale Mazzini, Luigi Gubitosi, che fissava al 28 febbraio il termine ultimo per porre fine a tutti i doppi incarichi.
Ma oggi, 1 marzo, la Berlinguer ha regolarmente condotto l'edizione delle 19 del Tg3. Il che ha finito con l'innescare l'intervento del sindacato, che aveva piu volte nel tempo sollecitata appunto la fine dei doppi incarichi, come quello appunto di direttore e al tempo stesso anche di conduttore di un tg. "Abbiamo plaudito alla scelta del direttore generale della Rai" di emanare quella circolare che fissava il divieto - ricorda il segretario dell'Usigrai - e "abbiamo apprezzato la decisione del direttore del Tg1 di applicarla immediatamente".
Infatti Mario Orfeo, fresco direttore della testata ammiraglia, da subito decise di cancellare i doppi incarichi nel corpo redazionale del Tg1. Vittorio di Trapani sottoliena che "con la stessa determinazione oggi dobbiamo denunciare una inaccettabile eccezione: il direttore del Tg3 continua a condurre" e si chiede se per lei sia stata quindi prevista "una specifica deroga". Se cosi fosse, allora "vogliamo sapere il perche". Oppure - si chiede ancora il segretario dell'Usigrai - "e una palese violazione di una circolare aziendale?" In tal caso "allora chiediamo al Dg di imporre il rispetto delle regole".

13 commenti:

  1. ma che catzo vuoi che ce ne fotte a noi de ste piccole begucce interne terrene
    so' 70 anni che spolpano l'itaja sistemanno parenti ed amici, e poi si ritirano con 4 o 5 pensioni, perchè essi legiferano e si aggiudicano l'aggiudicabile
    Non ho mai visto nei programmi di alcun partito la vendita TOTALE della rai, pure beppe vuol conservare almeno 1 canale RAI, così quando poi il suo movimento morirà, la rai potrà rinascere prima con 2 poi con 3 e man mano che i parenti aumentano, arrivare anche ai 40 canali come oggi.
    Lasciate queste begucce ai miserabili e pensate alla vostra anima piuttosto e non credete alla misericordia divina così come ve la danno i preti nel segreto del confessionale, ricordatevi ciò che vi è stato detto:
    "è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel paradiso"
    Quelli che lo prenderanno nel culo anche nell'aldilà sono tutti quelli come noi che non morendo di fame certo non possiamo considerarci poveri ed è per questo che è bene che ognuno tonifichi l'organo che più gli rende

    RispondiElimina
  2. Un altro motivo per fare una nuova legge sulle frequenze tv, vendere la RAI tenendo UN SOLO canale pubblico senza pubblicità. Mi son rotto le palle di pagare il canone anche per queste cose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quale sarebbe la necessità di avere 1 canale bubblico?
      per piazzarci un minzolen qualsiasi a fare informazione con i soldi del canone o tassa?

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. per certi individui regole certe, rigore, austerità e moralità valgono solo per gli altri mai per se stessi! ecco perché ho votato M5S!

    RispondiElimina
  5. Infatti, hai perfettamente ragione....

    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=484042228309881&set=a.158881537492620.31170.158724077508366&type=1&theater

    RispondiElimina
  6. ma prende due stipendi o con uno solo fa tute e due le cose? potrebbe essere fattibile no???

    RispondiElimina
  7. non sono due stipendi. solo che chi ha la qualifica di direttore si deve astenere da altre mansioni. perche' il direttore e' il garante del lavoro di tutti i suoi giornalisti. ecco il problema. gli altri direttori in rai accettano questa regola, la berlinguer invece no perche' si crede superfiga e vuole andare sempre in televisione.

    RispondiElimina
  8. In ogni giornale il direttore scrive articoli. Mentana fa uguale, Fede faceva uguale, Liguori idem, Minzolini anche. Ma dove sarebbe lo scandalo??!!

    RispondiElimina
  9. beghe interne causate da regolamenti ottocenteschi che portano solo ad aumentare la litigiosità interna. basta leggere come parla il segretario USIGRAI "Vittorio di Trapani sottoliena che "con la stessa determinazione oggi dobbiamo denunciare una inaccettabile eccezione: il direttore del Tg3 continua a condurre"

    RispondiElimina
  10. Si hanno preferenze nell'entrare nell'ambito dei giornalisti, in Rai, negli incarichi ecc., dall'avere un certo cognome?
    Spero di no; adesso, dimenticando il passato (non possiamo fare altrimenti) , dimostrino di non pretenderli per il futuro con esempi di osservanza delle regole.
    Con l'avvento del digitale si rileva, sempre di più, l'inutilità e l'esosità del canone Rai. Specie per i meno abbienti, i pensionati, ma anche per chi deve togliere, forzatamente, soldi dalle spese quotidiane per la propria famiglia. Le tasse fisse, poi, violano i principi costituzionali di partecipazione alle spese comuni, secondo le possibilità.
    E' tempo, infine, che la Rai impari a camminare con le proprie gambe come fanno tutte le altre tv, buttando via il girello costituito, appunto, dal canone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parole sagge,
      peccato che i caporioni se ne fottano della saggezza dei loro sudditi

      Elimina
  11. Il problema è che sono convinti di essere stati unti dal signore.
    Pur essendo di sx non sopporto il fatto che Bianca faccia quel cazzo che vuole
    cazzo non sarà mica perche è moglie di Manconi o parente diLuigi deputato o sua sorella lavora dal tanto odiato berlusconi e l'altra ha sposato Tellese è un casino di poltrone ma chi lo li sbrocca più...Comunque che si fottano sono 30 anni che non pago il canone.A fanculo

    RispondiElimina